Ago 07

Un percorso assembleare all’altezza del Paese che cambia

Le riflessioni per il periodo estivo di Franco Miano, presidente nazionale dell’Azione cattolica italiana – Possiamo dirlo senza la preoccupazione di essere retorici: siamo in una stagione nuova. E ogni tempo nuovo va letto utilizzando, contemporaneamente, tre fili conduttori. Quello della continuità con il tempo precedente. Quello della cesura netta con gli errori più gravi della vecchia stagione. E quello – il più importante di tutti – del “vino nuovo in otri nuovi”. Ovvero: il cambiamento non è solo un’evoluzione o una reazione rispetto al passato, è anche e soprattutto lo sforzo di introdurre stili, linguaggi, temi e priorità vicini al vissuto degli uomini e delle donne in carne ed ossa.

La stagione assembleare che partirà nelle parrocchie con la ripresa di settembre/ottobre, e che si concluderà con l’Assemblea nazionale della prossima primavera, non può non tenere conto di questo mutato contesto ecclesiale e sociale. L’Ac è chiamata a rafforzare la radice buona, ad ammettere con serenità e sincerità i limiti che ne frenano il potenziale, e soprattutto a rileggersi come realtà associativa adatta a parlare alle persone del terzo millennio. Papa Francesco ci sta dando una grande mano: quel parlare che torna semplice e alla portata di tutti, il ritorno della “misericordia” come categoria centrale della vita buona del Vangelo, i “poveri” come priorità assoluta di ogni azione politica, la “missione” come sforzo unico della Chiesa intera, le “relazioni” come via di umanizzazione. Molte di queste cose sono nel Dna dell’associazione: lo sforzo deve essere quello … continua

“Persone nuove in Cristo Gesù”. L’Ac inizia il percorso assembleare (il documento assembleare)

Verso la XV Assemblea Nazionale (i contributi al percorso assembleare)

This site is protected by Comment SPAM Wiper.